venerdì 21 giugno 2019


giovedì 30 maggio 2019

Milano, 29 maggio 2019 - Su richiesta di AISLA, nelle sedute dell’8, 9 e 10 maggio scorsi, la Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha deciso di rinnovare l’autorizzazione alla somministrazione in Italia dell’Edaravone, il farmaco in grado di rallentare moderatamente la degenerazione motoria causata dalla SLA.
A quasi due anni di distanza dalla prima determina N.1224 del 28/6/2017, che ha approvato l’inserimento del farmaco nella lista dei farmaci erogabili dal SSN in ottemperanza alla legge 648/96, e in vista dell’imminente scadenza della successiva determina N.819 del 28/05/2018, l’Edaravone continuerà ad essere somministrato.
Con l’obiettivo di raggiungere un numero sempre più ampio di pazienti, nella nota  ricevuta, AIFA conferma che saranno mantenuti i criteri di accesso attuali, senza riferimento ad alcun intervallo temporale riguardante la durata della malattia dall’esordio, e la possibilità di somministrazione al domicilio il farmaco dopo il primo ciclo che invece deve avvenire obbligatoriamente nelle strutture ospedaliere.
Il Direttore AIFA, dr. Luca Li Bassi, conclude la nota confermando che la decisione è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

mercoledì 29 maggio 2019


Sono sicuri i trapianti di cellule staminali cerebrali umane per la terapia della Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla): dopo questa prima risposta, molto attesa, è possibile passare alla fase 2 dei test per avere risposte sull’efficacia.
I dati sono pubblicati sulla rivista Stem Cells Translational Medicine a cinque anni dal termine dei test di fase 1, condotta su 18 pazienti fra il 2012 e il 2015 dal gruppo coordinato da Angelo Vescovi e Letizia Mazzini e che ha coinvolto gli ospedali Maggiore della Carità di Novara e Santa Maria di Terni, l’Università di Padova e l’Istituto Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

lunedì 20 maggio 2019

Sperimentazione clinica sclerosi laterale amiotrofica SLA, cellule staminali adulte

Il 20 Maggio a Roma, alle ore 14:40, presso la Sala Conferenze della Camera dei Deputati, Piazza Del Parlamento, 19, si terrà un’anteprima del programma relativo al convegno medico scientifico previsto il prossimo 7 ottobre 2019, dalle ore 15:30 alle 19:00, in una prestigiosa location a Roma, alla presenza di illustri relatori e della stampa, dal titolo “SPERIMENTAZIONE CLINICA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA SLA, CELLULE STAMINALI ADULTE”.

mercoledì 20 marzo 2019


RNS60: in 18 centri italiani prosegue
l’arruolamento per la sperimentazione
Si tratta di uno studio multicentrico che è condotto grazie al supporto dell’associazione ALSA (l’americana ALS Association), ALS Finding a Cure, dell’associazione “Get out ONLUS” e di altre donazioni spontanee.
Il Centro promotore dello studio è l’Istituto Mario Negri di Milano e quello coordinatore è AOU Maggiore di Novara.





sabato 16 febbraio 2019

La Sla potrebbe essere causata dal colesterolo

Il Centro Regionale Esperto Sla dell'Ospedale Molinette di Torino ha condotto una ricerca assieme al National Institute of Health di Bethesda (USA).

martedì 8 gennaio 2019

I ricercatori dell'università di Alberta hanno trovato un farmaco che rallenta in modo significativo lo sviluppo della sclerosi laterale amiotrofica (SLA), si tratta della telbivudina, attivamente utilizzata come farmaco antivirale
 per combattere l'epatite B.
Secondo i ricercatori, la telbivudina agisce sull'enzima SOD1, che nel 20% dei pazienti con la forma ereditaria di SLA non funziona correttamente

giovedì 8 novembre 2018

Genoa, sedici anni senza 'Il Capitano' Gianluca Signorini


Era il 6 novembre 2002 quando il giocatore si spense dopo una lunga malattia: Signorini era da tempo affetto dalla SLA




mercoledì 31 ottobre 2018


La SLA, Sclerosi Laterale Amiotrofica, presto potrebbe trasformarsi da malattia incurabile a malattia curabile farmacologicamente.
Questo accadrà se la ricerca italiana si rivelerà corretta, ossia se viene confermata l’esistenza di un gene retrovirale endogeno chiamato HERV-Kenv.

giovedì 25 ottobre 2018


Nuovo test del sangue per
la diagnosi precoce di SLA
da una ricerca sulla rivista Journal of Neurology, Neurosurgery, and Psychiatry - è stata condotta dal gruppo del professore Markus Otto dell’Università di Ulm (Germania) e del ricercatore Federico Verde dell’Università di Milano e dell’Istituto Auxologico Italiano.

domenica 21 ottobre 2018

21/10/1949   -   21/06/2008 ... al mio Angelo

venerdì 5 ottobre 2018


Una ricerca italiana ha permesso per la prima volta di osservare i meccanismi alla base della SLA: presto la cura definitiva!

Un gruppo di ricercatori italiani ha osservato, per la prima volta, la formazione gli aggregati di proteine che sono all'origine della SLA all'interno delle cellule nervose. La scoperta, descritta sulla rivista Communications Biology, è stata possibile grazie a una nuova tecnica non invasiva al microscopio messa a punto dall'Istituto Italiano di tecnologia e dall'Università La Sapienza di Roma.

giovedì 13 settembre 2018

Un gruppo di ricerca dell’Università di Sassari ha firmato uno studio che contribuisce a far luce sulla genesi della sclerosi laterale amiotrofica, intitolato “Disruption by SaCas9 Endonuclease of HERV-Kenv, a Retroviral Gene with Oncogenic and Neuropathogenic Potential, Inhibits Molecules Involved in Cancer and Amyotrophic Lateral Sclerosis”.